Apple Inc. ha avvertito i dipendenti di interrompere la divulgazione di informazioni interne sui piani futuri e ha sollevato lo spettro di potenziali azioni legali e accuse penali,


Apple Inc. ha avvertito i dipendenti di interrompere la divulgazione di informazioni interne sui piani futuri e ha sollevato lo spettro di potenziali azioni legali e accuse penali, una delle mosse più aggressive della più grande società tecnologica del mondo per controllare le informazioni sulle sue attività.

La società con sede a Cupertino, in California, ha dichiarato in un lungo promemoria pubblicato sul suo blog interno che “ha catturato 29 fuggitivi” l’anno scorso e ha notato che 12 di questi sono stati arrestati. “Queste persone non solo perdono il lavoro, possono affrontare difficoltà estreme trovando lavoro altrove”, ha aggiunto Apple. La società ha rifiutato di commentare venerdì.

Apple ha delineato le situazioni in cui le informazioni sono state divulgate ai media, incluso un incontro all’inizio dell’anno in cui Craig Federighi, responsabile dell’ingegneria del software di Apple, ha dichiarato ai dipendenti che alcune delle funzionalità software previste per iPhone sarebbero state posticipate. Apple ha anche citato un pacchetto software ancora da pubblicare che ha rivelato dettagli sull’iPhone X inedito e sul nuovo Apple Watch.

Le informazioni trapelate su un nuovo prodotto possono incidere negativamente sulle vendite dei modelli attuali, dare ai rivali più tempo per iniziare una risposta competitiva e portare a un minor numero di vendite quando il nuovo prodotto verrà lanciato, secondo quanto riportato nel promemoria. “Vogliamo la possibilità di dire ai nostri clienti perché il prodotto è ottimo, e non di averlo fatto male da qualcun altro”, ha detto nel comunicato il sig. Greg Joswiak, un dirigente del marketing dei prodotti Apple.

La repressione fa parte dei tentativi più ampi e di lunga durata da parte delle società tecnologiche della Silicon Valley di tracciare e limitare le informazioni che i loro dipendenti condividono pubblicamente. Le aziende come Google e Facebook Inc. sono piuttosto aperte con il personale sui loro piani, ma tengono sotto stretto controllo le loro comunicazioni esterne e talvolta licenziano le persone quando trovano delle perdite.

Il dirigente di Facebook Sheryl Sandberg la scorsa settimana ha parlato della sua delusione per le guardie. Nel 2016, Google ha licenziato un dipendente dopo che la persona ha condiviso post interni criticando un dirigente. Il dipendente ha intentato una causa sostenendo che il loro discorso era protetto dalla legge californiana.

Nei messaggi allo staff, le aziende tecnologiche a volte confondono le conversazioni che i dipendenti possono avere, come lamentarsi delle condizioni di lavoro, con la condivisione di segreti commerciali, ha detto Chris Baker, un avvocato con Baker Curtis e Schwartz, PC, che rappresenta il licenziato Googler. “L’ampia definizione generale di informazioni riservate fa sì che i dipendenti non dicano nulla, anche riguardo a questioni di cui è permesso parlare”, ha affermato. “È problematico.”

Apple è notoriamente segreta sullo sviluppo del suo prodotto. Nel 2012, l’amministratore delegato Tim Cook si è impegnato a raddoppiare il proprio impegno per mantenere il lavoro della compagnia sotto controllo. Nonostante ciò, i media hanno continuato a riportare notizie sull’azienda per soddisfare la domanda di informazioni su un’azienda che è diventata una parte cruciale dei portafogli di investimento, molti dei quali supportano i fondi pensionistici pubblici per insegnanti e altri lavoratori essenziali.

Nel 2017, Apple ha tenuto un incontro riservato con i dipendenti in un altro tentativo di fermare le perdite. Da allora, pubblicazioni, tra cui Bloomberg News, hanno pubblicato dettagli sull’iPhone X, una nuova scatola di video streaming Apple TV, un nuovo Apple Watch con LTE, l’imminente auricolare realtà aumentata della società, nuovi modelli di iPad, miglioramenti del software e dettagli su le imminenti cuffie iPhones e AirPods.

Ecco il memo:

Il mese scorso, Apple ha catturato e licenziato il dipendente responsabile della fuga di dettagli da una riunione interna riservata per la roadmap del software Apple. Centinaia di ingegneri del software erano presenti e altre migliaia all’interno dell’organizzazione ricevevano dettagli sui suoi procedimenti. Una persona ha tradito la loro fiducia.

Il dipendente che ha divulgato la riunione a un giornalista ha detto agli investigatori Apple di averlo fatto perché pensava che non sarebbe stato scoperto. Ma le persone che perdono, siano esse dipendenti, appaltatori o fornitori Apple, vengono catturate e vengono catturate più velocemente che mai.

In molti casi, i leakers non sono disposti a perdere. Invece, le persone che lavorano per Apple sono spesso prese di mira da stampa, analisti e blogger che fanno amicizia con loro su social network professionali come LinkedIn, Twitter e Facebook e iniziano a curiosare per ottenere informazioni. Anche se può sembrare lusinghiero essere avvicinati, è importante ricordare che ti stai giocando. Il successo di questi outsider viene misurato ottenendo da te i segreti di Apple e rendendoli pubblici. Uno scoop su un prodotto Apple inedito può generare traffico enorme per una pubblicazione e avvantaggiare finanziariamente il blogger o reporter che lo ha rotto. Ma l’impiegato Apple che perde ha tutto da perdere.

L’impatto di una perdita va ben oltre le persone che lavorano a un progetto.

La perdita del lavoro di Apple mina tutti in Apple e negli anni che hanno investito nella creazione di prodotti Apple. “Migliaia di persone lavorano instancabilmente per mesi per consegnare ogni versione del software principale”, afferma Josh Shaffer, capo dell’UIKit, il cui lavoro del team è stato parte della fuga di iOS 11 lo scorso autunno. “Vedendo la perdita è devastante per tutti noi.”

L’impatto di una perdita va oltre le persone che lavorano su un particolare progetto – è sentito in tutta l’azienda. Le informazioni trapelate su un nuovo prodotto possono avere un impatto negativo sulle vendite del modello corrente; dare alle aziende rivali più tempo per iniziare una risposta competitiva; e portare a un minor numero di vendite di quel nuovo prodotto quando arriva. “Vogliamo la possibilità di dire ai nostri clienti perché il prodotto è ottimo, e di non averlo fatto male da qualcun altro”, afferma Greg Joswiak del Product Marketing.

Gli investimenti di Apple hanno avuto un impatto enorme sulla capacità dell’azienda di identificare e catturare le fughe. Poco prima dell’evento speciale dello scorso settembre, un dipendente ha divulgato alla stampa un link al gold master di iOS 11, ancora una volta credendo che non sarebbe stato catturato. Il SO inedito ha dettagliato il software e l’hardware che presto saranno annunciati, incluso l’iPhone X. In pochi giorni, la fuga è stata identificata tramite un’indagine interna e licenziata. La tecnologia digitale forense di Global Security ha anche aiutato a catturare numerosi dipendenti che fornivano informazioni confidenziali sui nuovi prodotti, tra cui iPhone X, iPad Pro e AirPods, a un blogger su 9to5Mac.

Anche i leak nella catena di approvvigionamento vengono catturati. Global Security ha collaborato con i fornitori per prevenire il furto della proprietà intellettuale di Apple e per identificare le persone che cercano di superare il loro accesso. Hanno inoltre collaborato con i fornitori per identificare le vulnerabilità, sia fisiche che tecnologiche, e garantire che i loro livelli di sicurezza soddisfino o superino le aspettative di Apple. Questi programmi hanno quasi eliminato il furto di prototipi e prodotti dalle fabbriche, hanno catturato le fughe e impedito a molti altri di fuoriuscire.

I leakers non semplicemente perdono il lavoro in Apple. In alcuni casi, si trovano in prigione e multe salate per intrusione di rete e furto di segreti commerciali classificati come reati federali. Nel 2017, Apple ha catturato 29 fuggitivi. 12 di questi sono stati arrestati. Tra questi c’erano impiegati, appaltatori e alcuni partner Apple nella catena di fornitura di Apple. Queste persone non solo perdono il lavoro, possono affrontare difficoltà estreme trovando lavoro altrove. “Le potenziali conseguenze criminali delle perdite sono reali”, afferma Tom Moyer di Global Security, “e questo può diventare per sempre parte della tua identità personale e professionale”.

Mentre portano gravi conseguenze, le perdite sono completamente evitabili. Sono il risultato di una decisione di qualcuno che potrebbe non aver considerato l’impatto delle loro azioni. “Tutti vengono ad Apple per fare il miglior lavoro della loro vita – lavoro che conta e contribuisce a quello che stanno facendo insieme tutte le 135.000 persone in questa compagnia”, dice Joswiak. “Il modo migliore per onorare questi contributi è non far trapelare”.

Lascia un commento