l cambiamento di Apple nel ritmo di sviluppo di iOS su scala evolutiva, senza affrontare bug, afferma l’ex capo di Windows


Il “cambiamento culturale” di Apple verso la spaziatura di nuove funzionalità in iOS è più una funzione naturale della scala di sviluppo, e non proprio la rivoluzione che alcune persone potrebbero percepire come tale, secondo un noto ex presidente di Microsoft Windows.

iOS “dark mode” concept tramite Max Angelakis.
iOS
“Quello che succede a un progetto in crescita nel tempo è che i processi e gli approcci devono essere ripensati”, ha affermato Steven Sinofsky su Twitter. “Significa solo che le cose una volta ridimensionate – strumenti come la scelta di funzioni, priorità, programmi fissi, test di integrazione, ecc. – non stanno più scalando”.

Il cambiamento potrebbe sembrare “drammatico” per le persone all’interno di Apple perché è la prima volta che assistono a quel tipo di cambiamento, e al di fuori perché le persone sono alla ricerca di una causa ed effetto, ha elaborato.

“Dal mio punto di vista il ‘momento’ viene prodotto un po ‘in questo momento a causa della percezione che i prodotti Apple sono diventati meno stabili o …’ buggy ‘”, ha detto, mentre commentava che, a suo modo di vedere, l’hardware e i software sono a “livelli di qualità che il nostro settore non ha mai visto prima”.

Lunedì, un rapporto ha indicato che lo sviluppo iOS di Apple sta passando da funzionalità di caricamento a importanti rilasci annuali per distribuirli nel tempo . Ciò potrebbe mettere meno pressione sui team, dal momento che possono concentrarsi su un numero inferiore di funzionalità in qualsiasi punto.

Il cambiamento potrebbe avere effetto sul serio con “iOS 12” di questo autunno , che dovrebbe essere previsto durante la Worldwide Developers Conference di giugno. Alcuni miglioramenti potrebbero includere una più profonda integrazione di Siri nella ricerca Spotlight e una migliore modalità “Non disturbare”.

Lascia un commento