iPhone 12/12 Pro: il leaker Jon Prosser elenca le specifiche e i prezzi dei 4 modelli

Leaker e Youtuber Jon Prosser fan un elenco esaustivo di informazioni conosciute sul prossimo iPhone 12 e 12 Pro, un elenco di specifiche e prezzi che corrisponde strettamente alle previsioni di Ming Chi Kuo. Quindi finiremmo con 4 modelli, tutti dotati di schermi OLED, un processore A14 e 5G compatibili. Jon Prosser non lo ricorda, ma questi modelli avranno indubbiamente anche una tacca ridotta. Ecco i dettagli di prezzi e specifiche:
IPhone da 5,4 pollici 12
Telaio in alluminio
Processore A14
5G compatibile
Blocco ottico con due sensori
Display OLED Super Retina
4 GB di RAM
128 e 256 GB di spazio di archiviazione
Prezzi di $ 649 e $ 749
iPhone 12 Max 6.1 pollici
Telaio in alluminio
Processore A14
5G compatibile
Blocco ottico con due sensori
Display OLED Super Retina
4 GB di RAM
128 e 256 GB di spazio di archiviazione
Prezzo di $ 749 e $ 849
iPhone 12 Pro 6.1 pollici
Telaio in acciaio inossidabile
Processore A14
5G compatibile
Blocco ottico con tre sensori + LiDAR
Display a colori ODR Super Retina XDR + a 10 bit
6 GB di RAM
128, 256 e 512 GB di spazio di archiviazione
Prezzo di $ 999, $ 1,099 e $ 1,299
IPhone 12 Pro da 6,7 ​​pollici Max
Telaio in acciaio inossidabile
Processore A14
5G compatibile
Blocco ottico con tre sensori + LiDAR
Display a colori ODR Super Retina XDR + a 10 bit
6 GB di RAM
128, 256 e 512 GB di spazio di archiviazione
Prezzo di $ 1.099, $ 1.199 e $ 1.399

iPhone 12 Pro: lo schermo a 120Hz diventa più preciso, come il Lidar e il nuovo Face ID

Dopo aver menzionato ieri il nome del quarto iPhone 12 che potrebbe essere chiamato iPhone 12 Plus, ecco alcune nuove informazioni su iPhone 12 Pro. È piuttosto una conferma poiché lo schermo Pro-Motion dell’iPad Pro 2017 (e versioni successive) arriverà davvero nella fascia alta del 2020. E con esso, altre nuove funzionalità come lo scanner Lidar e un nuovo Face ID.
Presto un display da 120 Hz su iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max
Attualmente, l’iPhone 11 Pro visualizza giochi e altri video con un massimo di 60 Hz o 60 fotogrammi al secondo. In ogni caso su applicazioni compatibili. Ma su iPad Pro, ci sono già molti giochi compatibili a 120 Hz. Quest’ultimo fornisce un livello di fluidità raramente raggiunto e che i proprietari di iPhone all’avanguardia sono gelosi da tre anni. In effetti, l’iPad Pro è venduto allo stesso prezzo dell’ultimo iPhone.
Secondo Max Winebach di EverythingApplePro (e soprattutto Bloomberg e Ming Chi Kuo prima di lui), Apple sta attualmente testando un display a 120 Hz su iPhone 12 Pro, i modelli con uno schermo OLED da 6,1 pollici per il piccolo e 6 , 7 pollici per la versione Max.
A differenza di Google, che è passato a 90 Hz sul suo Pixel 4, Apple passerà direttamente a 120 Hz ma con un sistema di commutazione automatica che varierà la visualizzazione tra 30 Hz e 120 Hz secondo necessità. Perché? Principalmente per risparmiare la batteria quando non ha senso navigare sul web, un messaggio o persino un film.
Per non perdere i guadagni di autonomia apportati dall’iPhone 11 Pro, Apple dovrà migliorare diversi punti. Oltre al chip A14 inciso in 5 nm che sarà più economico, iOS 14 dovrebbe essere ancora più ottimizzato. Ma è anche e soprattutto una batteria ancora più grande che dovrebbe accompagnare l’iPhone 12 Pro. Stiamo parlando di 4.400 mAh su iPhone 12 Pro Max.
Le altre nuove funzionalità di iPhone 12 Pro: Face ID 2, Zoom x3 e Lidar
Oltre allo schermo che dovrebbe trasmettere anche una nuova generazione di OLED sulla gamma Pro, il prossimo iPhone 12 di fascia alta beneficerà di una tacca ridotta con Face ID 2.0. Il riconoscimento facciale più veloce sarebbe anche più tollerante riguardo agli angoli di visione.
Tutto ciò sarà reso possibile da componenti nuovi e più sofisticati.
Nella parte posteriore, il modulo fotografico manterrà i suoi tre sensori ma saranno migliorati con una migliore in condizioni di scarsa luminosità (HDR intelligente), una messa a fuoco automatica più veloce e una migliore stabilizzazione dell’immagine. Inoltre, verrà aggiunto un nuovo scanner LiDAR che può essere utilizzato per migliorare ulteriormente la messa a fuoco automatica e le foto in modalità ritratto.
Infine, un altro dettaglio interessante, lo zoom del teleobiettivo dovrebbe scendere da 2x a 3x, consentendo agli utenti di avvicinarsi ai soggetti senza ricorrere allo zoom digitale.
Secondo Max, Apple dovrebbe finalizzare i suoi prototipi a fine maggio e iniziare la produzione all’inizio di luglio. Troveremo 4 iPhone 12 con un nuovo colore blu scuro sul Pro. Per quanto riguarda i prezzi, sarà necessario fare riferimento alle tariffe dell’iPhone 12 che abbiamo pubblicato di recente.

Le cuffie Apple sarebbero chiamate AirPods Studio e costerebbero $ 349

Apple ha cuffie premium nelle sue scatole e oggi vengono rilasciate nuove informazioni. Il prodotto si chiamerebbe AirPods Studio e costerebbe $ 349. Il nome in codice sarebbe B515.
Il logo del casco è apparso in una versione trapelata di iOS 14
Le informazioni sono trasmesse da Jon Prosser, che aveva buone informazioni sul nuovo iPhone SE e sul recente MacBook Pro prima degli annunci ufficiali di Apple. Non è la prima volta che parla di queste in realtà: il mese scorso ha annunciato che Apple intendeva presentare questo prodotto al WWDC previsto per il 22 giugno di quest’anno. Ha anche menzionato l’esistenza di cuffie AirPods X che sarebbero nella stessa linea del BeatsX con un prezzo di circa 200 dollari e un annuncio per settembre / ottobre.
La scelta del nome AirPods Studio è comunque interessante, dal momento che il marchio AirPods ha sempre fatto riferimento alle cuffie wireless. Ad oggi esistono due varianti: AirPods e AirPods Pro. AirPods Studio non verrebbe comunque aggiunto all’elenco, ma come auricolare.

DXOMark: fotocamera selfie per iPhone 11 ‘decente’ ma non tra i migliori smartphone

DXOMark ha pubblicato oggi la sua recensione completa della fotocamera frontale dell’iPhone 11. Mentre la recensione afferma che la fotocamera frontale da 12 MP offre “prestazioni decenti”, non riesce a fare la top 10 complessiva.
La recensione odierna di iPhone 11 di DXOMark segue la loro recensione di iPhone 11 Pro a gennaio. IPhone 11 e iPhone 11 Pro condividono la stessa tecnologia della fotocamera frontale e i risultati sono simili ma con alcune differenze chiave.
Nel complesso, la fotocamera selfie per iPhone 11 ha ottenuto un 91 nei test di DXOMark, che è un punto in meno rispetto a iPhone 11 Pro Max. È interessante notare che la più grande differenza tra iPhone 11 e iPhone 11 Pro è nella categoria focus.
Focus è un po ‘un punto debole per l’iPhone 11 e una categoria in cui si comporta peggio di suo cugino 11 Pro Max. Il soggetto è a fuoco quando si scattano selfie a distanza ravvicinata, ma a distanze più lunghe, ad esempio quando si scatta con un selfie stick esteso, il viso è notevolmente più sfocato rispetto a iPhone 11 Pro o Galaxy S10 +. Anche i soggetti sul retro dei selfie di gruppo sono notevolmente sfocati.
Ulteriori test di DXOMark indicano che l’iPhone 11 Pro Max è “in grado di mantenere una migliore nitidezza rispetto all’iPhone 11 quando il soggetto si allontana dalla fotocamera”.
Altrove, le immagini selfie scattate con iPhone 11 sono simili a iPhone 11 Pro. Ci sono alcuni problemi con il rumore, dice DXOMark, in particolare in ambienti con scarsa illuminazione. In termini di video, la recensione afferma che l’iPhone 11 è “una buona opzione ma non tra le migliori”.
Apparentemente, l’iPhone 11 fa anche “leggermente meglio” in termini di colore e rumore rispetto all’iPhone 11 Pro durante la registrazione di video:
Il lato positivo è che l’iPhone 11 è leggermente migliore nella categoria dei colori e gestisce il rumore un po ‘meglio del telefono di punta di Apple. L’esposizione è accurata in condizioni di luce intensa e in condizioni interne tipiche e diminuisce solo in condizioni di scarsa luminosità. Le riprese video mostrano anche colori piacevoli, con un buon bilanciamento del bianco e transizioni fluide in condizioni di luce mutevole.
Con la recensione DXOMark della fotocamera selfie per iPhone 11 completa, la scomposizione è tra le prime 10. È interessante notare che il punteggio di iPhone 11 Pro è passato da 91 a 92 a un certo punto tra oggi e la recensione originale di gennaio.
Huawei P40 Pro – 103
Huawei nova 6 5G – 100
Samsung Galaxy S20 Ultra – 100
Samsung Galaxy Note 10+ 5G – 99
ASUS ZenFone 6 – 98
Samsung Galaxy S10 5G – 97
Samsung Galaxy S10 + – 96
Huawei Mate 30 Pro – 93
iPhone 11 Pro Max – 92
Google Pixel 3 – 92
Google Pixel 4 – 92
Samsung Galaxy Note 9 – 92
iPhone 11 – 91
Come sempre, è importante tenere presente che la metodologia e l’affidabilità dei test di DXOMark sono spesso messe in discussione e contestate, principalmente sulla base del fatto che la qualità della videocamera è soggettiva e l’assegnazione di un “punteggio” è impegnativa. Cosa ne pensi di questi risultati? Facci sapere nei commenti!

Guida completa alla batteria degli iPhone

Con il rilascio di iOS 11.3 nel 2018, Apple ha introdotto una nuova funzionalità che può dirti molto sulla salute della batteria: la capacità. Questa descrive esattamente quanto dovrebbe durare il tuo iPhone tra due cicli di ricarica, in una scala da 0% a 100%.
La capacità massima della batteria del telefono si riduce nel tempo. I nuovi iPhone hanno in genere una capacità del 100%, ma i cicli di ricarica e i danni potenziali (come ad esempio esporre il telefono a temperature troppo alte o troppo basse) la riducono.
Con il deteriorarsi della salute della batteria, diminuisce anche la sua capacità di offrire le migliori prestazioni.
Quale capacità della batteria dell’iPhone è considerata la condizione ottimale?
Potresti pensare che, poiché la capacità massima del tuo telefono è del 100%, questa sia l’unica condizione ottimale da prendere in considerazione. In realtà, non è del tutto vero. Apple considera in condizioni ottimali qualsiasi iPhone avente una capacità della batteria dell’80% o superiore.
In effetti, Apple è così convinta della salute delle sue batterie, che la sua garanzia di 1 anno copre qualsiasi batteria che abbia una capacità dell’80% o superiore. Non è insolito vedere iPhone che, dopo un anno, hanno ancora una capacità della batteria del 95% o superiore.
Il motivo è un tipo di sistema di sicurezza (fail-safe). Apple costruisce le sue batterie con capacità in eccesso, il che significa che in realtà quando funzionano al 100% non utilizzano tutta la capacità potenziale. È per questo che, quando sei all’80%, stai ancora operando in condizioni ottimali.
Come controllare lo stato della batteria del tuo iPhone
Su qualsiasi iPhone con installato iOS 11.3 o successivi, puoi trovare la capacità della tua batteria andando su Impostazioni > Batteria > Stato batteria. È importante notare che questa funzione è disponibile solo per l’ iPhone 6 e tutti i modelli successivi.
Nella schermata di stato della batteria, vedrai anche un’importante metrica secondaria: Prestazioni massime disponibili. A causa della sfumatura di cui sopra, questa schermata potrebbe effettivamente essere più importante della capacità.
Se la batteria funziona in modo ottimale per supportare tutte le tue app, vedrai un semplice messaggio che il tuo telefono consente prestazioni di picco standard. Se la batteria è usurata, ed è possibile che abbia bisogno di essere sostituita, verrà visualizzato un messaggio di avviso che si è deteriorata e deve essere sostituita.
Il telefono continuerà a funzionare, ma il tempo tra i cicli di ricarica sarà notevolmente più breve. Questo messaggio appare solo quando la capacità della batteria è del 79% o inferiore.
Come prolungare la durata e le prestazioni della batteria del tuo telefono
Innanzitutto, è importante notare che Apple cerca di prendersi cura del problema al posto tuo. Il risultato è la tanto decantata “limitazione delle prestazioni”, che ha causato alcune controversie alcuni anni fa. 
La gestione delle prestazioni limita le prestazioni della batteria e del telefono per tuo conto, in modo da mantenere funzionante l’iPhone. Puoi disattivarla manualmente, ma in questo caso il tuo iPhone avrà già la batteria quasi scarica.
Invece, ha senso seguire alcuni semplici passaggi che possono prolungare la durata della batteria del telefonoseguendo le indicazioni di Apple:
Scaricati l’ultimo aggiornamento iOS. Ogni aggiornamento importante include nuove funzionalità per preservare ed estendere la durata della batteria.
Cerca di mantenere il telefono a temperature comprese tra 16 e 22 gradi, in media. Temperature inferiori o superiori potrebbero danneggiare la batteria al litio.
Evita il calore in eccesso durante la ricarica. Alcune custodie o superfici possono causare il riscaldamento del telefono e danneggiare la batteria. Toccalo mentre è in modalità di ricarica per assicurarti che rimanga freddo.
Se non prevedi di usare il telefono per qualche tempo, spegnilo a metà carica. Svuotare completamente la batteria potrebbe farla scaricare completamente, causando danni significativi. Il drenaggio da una batteria piena potrebbe avere lo stesso effetto.
Attiva la luminosità automatica. Le impostazioni più luminose dello schermo tendono a scaricare rapidamente la batteria, il che ti costringerà ad aumentare la frequenza dei cicli di ricarica e a perderci in salute della batteria.
Controlla la tua attività in background in Impostazioni > Generali > Aggiornamento in background. Troppe app in esecuzione in background scaricheranno la batteria.
Batteria nuova, batteria non Apple o batteria Apple usata: qual è la migliore?
Quando acquisti un telefono usato o ricondizionato, potresti pensare che una nuova batteria valga il costo. Naturalmente, potresti anche non voler pagare un sovrapprezzo, quindi potresti cercare un fornitore terzo. 
Questa è una cattiva idea, in generale. In realtà, è davvero peggiore acquistare una nuova batteria non Apple che tenersi semplicemente la batteria usata, a condizione che quella batteria sia ancora all’80% o superiore.
Le batterie di terze parti non sono sempre compatibili con le funzionalità di salute e capacità della batteria di cui abbiamo parlato. In parole povere, ciò significa che puoi ritrovarti nelle condizioni di non sapere quanto funzionino bene le batterie. 
È possibile, tuttavia, che le prestazioni non siano al passo con il prodotto Apple. Sebbene esistano confronti di benchmark limitati, quelli che ci sono tendono a dare Apple vincente sui suoi concorrenti, in termini di prestazioni della batteria. 
Come si comportano le batterie dell’iPhone in base ai singoli modelli
Quando cerchi iPhone usati, la durata e le prestazioni della batteria sono probabilmente tra le tue considerazioni principali. Puoi prendere in esame fattori come la velocità di elaborazione o la RAM, ma quanto ti dicono davvero sull’uso effettivo del telefono?
Fortunatamente, esistono anche altre misure. Uno è il benchmark delle Prestazioni di Geebench, che standardizza tutti i dispositivi iOS per confrontare le loro prestazioni direttamente l’una con l’altra. I risultati, dalle prestazioni più alte a quelle più basse:
iPhone 11 Pro Max – 1.330
iPhone 11 – 1.280
iPhone XS Max – 1.110
iPhone XR – 1.108
iPhone 8 – 922
iPhone 7 – 742
iPhone 6S – 542
iPhone 6 – 308
Nel confrontare i modelli di iPhone, la durata della batteria è un’altra componente importante. Gli specialisti nelle recensioni di AnandTech controllano la durata della batteria di ciascun modello di iPhone degli ultimi anni. Il loro confronto è basato sulla quantità di tempo in cui un telefono sarebbe in grado di sfruttare una carica completa durante una navigazione continua su WiFi. I loro risultati sono di seguito:
iPhone 11 Pro Max – 15,58 ore
iPhone 11 – 14,03 ore
iPhone XR – 12,95 ore
iPhone 8 Plus – 11,83 ore
iPhone XS Max – 10,31 ore
iPhone 7 – 9,22 ore
Le tendenze, per prestazioni e durata della batteria, tendono a essere lineari. Ogni nuovo modello tende a essere più potente di quelli precedenti, aggiungendo al contempo nuove funzionalità che preservano e prolungano la durata della batteria. 
La cosa da ricordare, quando si acquista un iPhone ricondizionato: i modelli più recenti, indipendentemente dal fatto che la loro capacità sia inferiore al 100%, tendono ad avere una durata della batteria più lunga rispetto alle loro controparti più vecchie, e di conseguenza saranno utili più a lungo.
IPhone ricondizionato rispetto ad altri marchi: chi vince la battaglia della batteria?
Certo, potresti guardare al di là degli iPhone. In tal caso, una domanda importante da porsi è in che modo confrontare la durata e le prestazioni della batteria tra i prodotti Apple e i suoi concorrenti.
Per i nuovi telefoni, Apple generalmente vince alla grande. In entrambi i benchmark delle prestazioni e della durata della batteria visti sopra, i modelli di iPhone si collocano al di sopra delle loro controparti di Android e di Google dello stesso anno. 
E i telefoni ricondizionati? Qui, ancora una volta, è meglio fidarsi degli iPhone rispetto ad altri telefoni ricondizionati. In generale, gli iPhone mantengono circa il 15% di valore in più all’anno, anche rispetto alle loro migliori controparti Android. Ciò indica che la batteria non si deteriora allo stesso modo, le prestazioni non si riducono così velocemente e lo schermo non viene danneggiato con altrettanta facilità.
Tutto sommato, l’iPhone tende a vincere la battaglia della batteria. Non solo inizia forte, ma mantiene quella forza più a lungo. Questo è ciò che lo rende una buona scelta per chiunque cerchi uno smartphone ricondizionato.

Apple Watch e iPhone possono inviare automaticamente informazioni vitali sull’ID medico ai primi soccorritori in iOS 13.5

Apple si sta muovendo rapidamente per rilasciare nuove funzionalità software che migliorano la vita durante la pandemia di salute COVID-19. Una nuova funzione che ha lo scopo di aiutare i primi soccorritori sarà utile per gli utenti di iPhone e Apple Watch anche dopo che avremo raggiunto l’altro lato dell’epidemia di coronavirus. Il cambiamento arriverà su iOS 13.5 e watchOS 6.2.5 alla fine di questo mese.
ID medico
Apple Watch e iPhone hanno supportato una funzione chiamata ID mediale che ti consente di raccogliere dati sanitari importanti in un unico posto. L’ID medico può includere le informazioni di contatto, la data di nascita, le condizioni mediche, il gruppo sanguigno e altro.
L’ID medico è accessibile dalla schermata di blocco sull’iPhone senza un passcode o tenendo premuto il pulsante laterale su un Apple Watch anche se è bloccato. L’idea è che chiunque possa vedere importanti informazioni sulla salute su di te in un momento del bisogno anche se non sei reattivo.
SOS di emergenza
iPhone e Apple Watch offrono una funzione separata chiamata Emergency SOS. Quando tieni premuto il pulsante laterale su un iPhone e Apple Watch per alcuni secondi, il dispositivo può chiamare i servizi di emergenza locali per te.
SOS di emergenza avvisa anche il contatto di emergenza quando attivato. Questa funzione è stata fondamentale per salvare vite umane notificando la prima risposta quando un utente iPhone o Apple Watch ha un incidente.
ID medico nelle chiamate di emergenza
La novità di iOS 13.5 e watchOS 6.2.5 è una nuova funzionalità che collega insieme ID medico e SOS di emergenza. A partire da questo mese, i clienti possono optare per una nuova funzione SOS di emergenza che condivide automaticamente le informazioni sull’ID medico per i servizi di emergenza.
Questo aiuta i primi soccorritori riducendo la necessità di chiedere informazioni su allergie, farmaci e condizioni mediche. I primi soccorritori riceveranno automaticamente queste informazioni vitali dall’ID medico quando viene attivato SOS di emergenza.
Apple Watch Series 4 e successive includono anche il rilevamento delle cadute che chiama automaticamente i servizi di emergenza quando viene rilevata una caduta e un utente non risponde. La nuova funzione di condivisione dell’ID medico verrà utilizzata anche per il rilevamento delle cadute.
La nuova funzionalità è attualmente disponibile nelle versioni beta di iOS e watchOS. Aggiorna a iOS 13.5 e watchOS 6.2.5 quando gli aggiornamenti del software saranno disponibili alla fine di questo mese.

Apple rilascia iOS 13.5 beta 4 con modifiche all’API di notifica dell’esposizione, FaceTime e Face ID

Apple sta rilasciando oggi la quarta versione beta sviluppatori di iOS 13.5, dopo il rilascio della versione beta della scorsa settimana. IOS 13.5 include miglioramenti all’app FaceTime, Face ID e le basi per Apple e l’API di notifica dell’esposizione di Google.
Nel caso in cui l’avessi perso la scorsa settimana, Apple si riferisce a questa versione di iOS come iOS 13.5, a seguito di due versioni beta per sviluppatori di iOS 13.4.5. Questo perché a qualsiasi revisione di iOS che utilizza un nuovo SDK deve essere modificato il numero di versione minore, quindi il passaggio da iOS 13.4.5 a iOS 13.5.
Cosa c’è di nuovo in iOS 13.5? L’aggiornamento include la base della nuova API di notifica dell’esposizione di Apple e Google per la traccia dei contatti COVID-19. Ci sono anche modifiche a Face ID e FaceTime:
iOS 13.5 beta semplifica il salto di Face ID se indossi una maschera
Apple rilascia iOS 13.5 beta con la prima versione della sua API di notifica dell’esposizione COVID-19
Chiamata FaceTime di gruppo occupata? iOS 13.5 ti consente di disattivare lo zoom automatico del viso
La quarta beta sviluppatore di iOS 13.5 e iPadOS 13.5 dovrebbe iniziare presto. Una nuova beta pubblica potrebbe essere rilasciata anche oggi. Apple probabilmente rilascerà anche una nuova beta di watchOS 6.2.5 e tvOS 13.4.5.

AirPods Pro: #Apple dà consigli in caso di problemi

Non tutto è perfetto con AirPods Pro e Apple sembra esserne consapevole. La corrente ha pubblicato due pagine dedicate all’assistenza delle cuffie, in particolare per parlare delle preoccupazioni relative alla riduzione del rumore che può essere meno buona e al possibile scoppiettio.
Se la riduzione attiva del rumore non funziona come previsto su AirPods Pro, Apple consiglia i seguenti passaggi:
Assicurati che l’ultima versione del software sia installata sul tuo iPhone, iPad, iPod touch o Mac collegato
Posiziona i due AirPods Pro nelle orecchie e verifica che la modalità Active Noise Reduction (ANC) sia abilitata
Pulisci la griglia situata nella parte superiore di AirPods Pro. L’accumulo di sporco o cerume nell’area mostrata di seguito a volte può influire sulla modalità di riduzione attiva del rumore.

Se la riduzione attiva del rumore continua a non funzionare come previsto, contatta l’assistenza Apple
Per quanto riguarda il quarto punto, Apple rileva che un calo del suono e un aumento del rumore di fondo (come il rumore proveniente dalla strada o dagli aerei) possono essere visti anche se le cuffie non vengono pulite.
Apple offre quindi una guida in caso di scoppiettio:
Assicurati che l’ultima versione del software sia installata sul tuo iPhone, iPad, iPod touch o Mac collegato
Verificare che il dispositivo collegato sia vicino e che non vi siano interferenze wireless
Ascolta l’audio di un’altra applicazione per vedere se l’applicazione originale non è un problema
Se il problema persiste, è necessario contattare l’assistenza Apple.

nuovo #iMac e AirPods pronti ad entrare sul mercato?

Jon Posser sta guadagnando i suoi galloni di shock Leaker. Prova dell’importanza dell’indiscreto Posser, quest’ultimo è stato “bloccato” su Twitter da Phil Schiller in persona! La perdita di questo 6 maggio manca di un po ‘di precisione, ma Jon Posser ci annuncia lo stesso che un nuovo iMac (più potente?) E nuovi AirPod (più leggeri?) Sarebbero pronti per essere commercializzati! Il leaker desidera sottolineare che il nuovo AirPods Pro non ha nulla a che fare con le voci di AirPods X o con le cuffie di fascia alta attualmente sviluppate da Apple. Questo è sufficiente per alimentare la più vile speculazione.
Gli annunci delle ultime settimane mostrano chiaramente che Apple non ha paura di rilasciare i suoi nuovi prodotti nel mezzo di una pandemia; in altre parole, se ci sono molti nuovi iMac e AirPods Pro in cantiere, il loro lancio probabilmente non verrà posticipato, a meno che non ci sia un problema di fornitura su un componente …