Il maggiore fornitore Apple conferma il ritardo di lancio di iPhone 12

Continuiamo a sentire sempre più rapporti secondo cui l’iPhone 12 potrebbe non arrivare a settembre come previsto, con le notizie all’inizio di questa settimana di DigiTimes che prevedono un lancio di ottobre ora confermate da un rapporto di un importante fornitore di componenti Apple.
Queste ultime informazioni provengono da Broadcom, una società che da anni fornisce chip chiave che vanno negli iPhone di Apple. Pertanto, conferisce una notevole quantità di credibilità ai rapporti precedenti, che provengono da fonti con record più contrastanti quando si tratta di fissare scadenze specifiche per i piani di Apple.
Secondo Bloomberg, l’amministratore delegato di Broadcom, Hock Tan, ha fatto ieri il riferimento ad Apple nella telefonata degli utili della società, riferendosi solo a “un grande ritardo del ciclo del prodotto” in “un grande cliente di telefonia mobile nordamericano”, tuttavia non solo che da solo sembra un puntatore ovvio ad Apple, ma è noto che Tan fa spesso riferimento ad Apple in questo modo.
I commenti di Tan, ovviamente, sono stati fatti agli investitori di Broadcom, quindi l’attenzione è stata rivolta a rassicurarli sul fatto che, sebbene la società non vedrà le entrate normalmente previste nel suo terzo trimestre di quest’anno, i soldi continuano a venire – solo uno un quarto più tardi del previsto. “Siamo presenti”, ha detto Hock, riferendosi al fatto che l’accordo di Broadcom per la fornitura di componenti per l’iPhone è bloccato, ma “la domanda è il tempismo”.
Così…. Quando?
Dal momento che settembre è alla fine del calendario e dei quartieri fiscali per la maggior parte delle aziende, tra cui Broadcom e Apple, “un quarto dopo” potrebbe tecnicamente significare un ritardo di un solo mese, spingendo il rilascio di iPhone ad ottobre, che è ciò che diversi altri rapporti che abbiamo ascoltato di recente hanno anche suggerito.
Tuttavia, ciò non significa necessariamente che Apple rinuncerà al suo solito evento di settembre, poiché è ancora molto importante per l’azienda pubblicare gli annunci per i suoi nuovi prodotti prima del trimestre festivo, ma potrebbe significare che l’effettiva disponibilità del iPhone 12 potrebbe arrivare più tardi del previsto, almeno per alcuni modelli.
Come riportato all’inizio di questa settimana, sembra che Apple potrebbe concentrarsi sulla disponibilità del suo iPhone 12 da 6,1 pollici prima degli altri. Questa sarebbe una mossa sensata per l’azienda dal momento che se può avere un solo iPhone pronto per la spedizione a settembre, è logico pensare che la scelta migliore sia il successore diretto di quello che ora è stato lo smartphone più popolare del pianeta per due anni consecutivi.
Inoltre, i modelli “Pro” di Apple sono più sofisticati e potrebbero richiedere maggiori risorse ingegneristiche e sforzi per la produzione, rendendoli i candidati più appropriati per un ritardo.
Non sarebbe nemmeno la prima volta che Apple ha scaglionato il rilascio della sua nuova linea di iPhone. Nel 2017, l’iPhone X è stato annunciato insieme a iPhone 8 e iPhone 8 Plus, ma non ha iniziato la spedizione fino a sei settimane dopo, a novembre, e quando Apple ha rilasciato l’iPhone XR l’anno successivo, è arrivato ad ottobre. In entrambi i casi, questi nuovi modelli di iPhone hanno utilizzato componenti e processi di produzione diversi – lo schermo OLED e la fotocamera TrueDepth su iPhone X e il display Liquid Retina su iPhone XR – che sono stati i motivi probabili dei ritardi.
Quindi è difficile essere certi che Apple abbia mai programmato di rilasciare l’intera gamma di iPhone 12 allo stesso tempo, anche se non eravamo nel bel mezzo di una crisi sanitaria globale in corso – abbiamo già sentito parlare di altri potenziali motivi di ritardi – ma certamente con quello sul tavolo, non è affatto sorprendente che la società potrebbe aver dovuto apportare alcune modifiche impreviste alla sua produzione e ai programmi di rilascio.

Lascia un commento