Apple rilascia la sesta beta di macOS 10.15.4, iOS 13.4, iPadOS 13.4, watchOS 13.4 e tvOS 13.4

Apple ha rilasciato il suo sesto round di beta per sviluppatori, rilasciando nuove build per i test di macOS 10.15.4, iOS 13.4, iPadOS 13.4 e watchOS 6.2, oltre a quello che ora chiama un seme d’oro per tvOS 13.4.


Le build più recenti possono essere scaricate tramite il Centro per sviluppatori Apple per gli iscritti al programma di test o tramite un aggiornamento over-the-air sui dispositivi che eseguono il software beta. Le beta pubbliche arrivano in genere entro pochi giorni dalle versioni degli sviluppatori, tramite il sito Web del programma software beta di Apple .
Questa è la sesta generazione di beta sviluppatore, dopo il quinto round per iOS, iPadOS, macOS e tvOS del 10 marzo . La versione arriva lo stesso giorno in cui Apple ha annunciato che iOS 13.4 sarebbe stato rilasciato il 24 marzo, quindi questa versione è potenzialmente l’ultima versione beta.





Iscriviti a my apple pro su YouTube
Le versioni precedenti di iOS e iPadOS 13.4includevano modifiche come il ritorno della condivisione delle cartelle iCloud, un modo per gli sviluppatori di vendere app macOS e iOS come un singolo acquisto, nuovi adesivi Memoji, aggiornamenti della barra degli strumenti per Mail, scorciatoie da tastiera per le foto, modifiche alla condivisione della famiglia nell’app TV e nuovi controlli CarPlay. Sono stati inoltre trovati riferimenti a un’API CarKey , che suggerisce un uso futuro di un iPhone o Apple Watch come chiave per auto NFC.
TvOS 13.4 beta includeva riferimenti a un nuovo modello di Apple TV 4K . MacOS beta ha aggiunto testi sincronizzati ad Apple Music, aggiungendo una funzione precedentemente disponibile nella versione iOS dell’app.
AppleInsider e la stessa Apple consigliano vivamente agli utenti di non installare i beta su dispositivi “mission-critical” o primari, poiché esiste la possibilità remota di perdita di dati o altri problemi. Invece, i tester dovrebbero installare beta su dispositivi secondari o non essenziali e assicurarsi che ci siano sufficienti backup di dati importanti prima dell’aggiornamento.

Lascia un commento