Apple risponde ai rapporti sui promemoria per il monitoraggio della posizione frequente di iOS 13, enfatizza la privacy .

A partire da iOS 13, le app non sono più in grado di presentare un’opzione “consenti sempre” quando si richiede l’accesso alla posizione di un utente. L’unico modo per garantire a un’app un accesso continuo alla posizione è quello di accedere a Impostazioni> Privacy> Servizi di localizzazione, toccare un’app e selezionare l’opzione “sempre”, se disponibile. 

iOS 13 inoltre ricorda periodicamente agli utenti le app che monitorano continuamente la loro posizione, complete di una mappa di tali posizioni.Un avviso sullo schermo fornisce agli utenti le opzioni per continuare a “consentire sempre” l’accesso continuo alla propria posizione o per limitare l’accesso durante l’utilizzo dell’app. 

Alla luce di questi cambiamenti, oggi il Wall Street Journal ha riferito che alcuni sviluppatori temono che i promemoria sul tracciamento della posizione danneggeranno l’adozione delle loro app, mentre alcuni utenti di iPhone hanno espresso frustrazione per il fatto che i promemoria compaiono ogni pochi giorni nonostante abbiano ripetutamente selezionato ” consenti sempre.” 

Apple ha risposto al rapporto affermando che le modifiche sono state apportate per salvaguardare ulteriormente la privacy degli utenti. 

“Apple non ha creato un modello di business basato sulla conoscenza della posizione di un cliente o della posizione del proprio dispositivo”, ha detto un portavoce del The Wall Street Journal , aggiungendo che Apple sviluppa hardware e software tenendo presente la privacy. 

La quantità di dati sulla posizione raccolti dalle app in background è diminuita del 70% da quando iOS 13 è stato rilasciato, secondo Jason Smith, direttore aziendale della società di intelligence di dati Location Sciences. Data la facilità con cui i dati possono essere utilizzati per identificare e tracciare le persone , questo è un segno promettente. 

Lascia un commento