Il chip U1 dell’iPhone 11 farà molto di più che individuare i tag Apple

Finora Apple è stata piuttosto cauta riguardo al chip U1 dell’iPhone 11 , che è in grado di dati di posizionamento estremamente precisi.
La società non ha menzionato affatto il chip durante il keynote e i suoi materiali di marketing dicono solo che metterà le persone più vicine in cima ai tuoi contatti AirDrop.
In particolare, non è stato menzionato l’imminente tracker simile a Tile di Apple , il che è stato sorprendente, in quanto è stata probabilmente la caratteristica che ha portato al slogan By Innovation solo per l’evento.
Ma individuare i tag Apple non è l’unica cosa che il chip U1 potrebbe potenzialmente fare …

Cos’è il chip U1 di iPhone 11?
Il chip U11 utilizza la tecnologia di posizionamento nota come radio Ultra WideBand (UWB). Ecco come lo descrive Apple:
Il nuovo chip U1 progettato da Apple utilizza la tecnologia Ultra Wideband per la consapevolezza dello spazio, consentendo a iPhone 11 di individuare con precisione altri dispositivi Apple dotati di U1. Pensa al GPS alla scala del tuo salotto.
Ovviamente, il Bluetooth può essere utilizzato per localizzare i dispositivi: è come funzionano i tracker esistenti come Tile . I tracker Bluetooth funzionano misurando l’intensità del segnale: più è forte, più si avvicina il dispositivo.
Ma il Bluetooth è impreciso e anche potenzialmente insicuro. È possibile, ad esempio, inoltrare un segnale in modo che uno smartlock pensi di essere vicino ad esso quando sei veramente a una certa distanza.
UWB utilizza i calcoli del tempo di volo per stabilire una distanza precisa, misurando quanto tempo impiega un segnale per essere inviato a un dispositivo e quindi restituito. Le antenne direzionali significano anche che un dispositivo UWB può determinare non solo la distanza ma la direzione, quindi sa, ad esempio, che il tag si trova a sei piedi di distanza a sinistra.
Cos’altro potrebbe fare il chip U1?
Jason Snell ha un pezzo eccellente su Six Colours (via Daring Fireball ) delineando altre possibilità per il chip U1.
Le potenziali applicazioni includono la tecnologia della casa intelligente, la realtà aumentata, i pagamenti mobili, la suddetta voce senza chiave dell’auto e persino la navigazione interna […]
Immagina un sistema audio per tutta la casa che sposta la riproduzione musicale attraverso più stanze in base alla posizione di un singolo ascoltatore. Considera la tranquillità di sapere che la tua serratura intelligente non si aprirà a meno che non ti trovi proprio di fronte ad essa e possa bloccare il momento in cui sa che sei dentro […]
La realtà aumentata è anche un’enorme area di interesse per Apple e UWB può aiutare anche lì, fornendo precisione della posizione per dispositivi e accessori […]
E la cosa rubata all’auto [usando le scatole relè per catturare un segnale da una chiave all’interno di una casa e trasmetterla all’auto all’esterno] sembra essere stata abbastanza un buco di sicurezza per aiutare a spronare i produttori di auto a scendere da Bluetooth LE e a qualcosa di più sicuro. Il Car Connectivity Consortium , di cui Apple e Google sono membri, dovrebbe consentire ai dispositivi abilitati UWB di sostituire i telecomandi delle auto in modo sicuro.
Apple è la prima azienda a includere un chip UWB all’interno di uno smartphone, ma Google, Samsung, HTC e altri sono membri di vari gruppi commerciali UWB, quindi possiamo aspettarci che diventi uno standard entro un tempo ragionevole.

Lascia un commento