L’attesa è quasi finita: la Apple Card verrà lanciata all’inizio di agosto

La nuova carta di credito rivoluzionaria di Apple è ancora sulla buona strada per il lancio questa estate, ma nonostante il rilascio di iOS 12.4 di questa settimana in preparazione per la nuova Apple Card, sembra che dovremo ancora aspettare ancora un po ‘prima che sia pronto per il lancio tempo.
Secondo un nuovo rapporto di Bloomberg , la Apple Card è attualmente in fase di lancio nella prima metà di agosto, secondo una persona che ha familiarità con i piani, anche se non c’è ancora una data specifica, il che suggerisce che alcuni dettagli finali siano ancora stirati su.
Cosa più interessante, sembra che gli utenti saranno in grado di richiedere la nuova carta slick di titanio direttamente dall’app Wallet in iOS 12.4, un altro modo in cui la nuova carta sta aprendo una nuova strada nella tecnologia e si lega molto strettamente all’ecosistema Apple.


Sebbene il rapporto non sia chiaro, ciò presumibilmente significa che una volta concessa l’approvazione – cosa che in molti casi potrebbe avvenire immediatamente – gli utenti sarebbero immediatamente in grado di iniziare a utilizzare la carta tramite Apple Pay. Apple ha già dichiarato che gli utenti saranno in grado di avere la loro carta virtuale disponibile in attesa dell’arrivo della carta fisica in titanio nella posta, ma l’integrazione dell’intera procedura dell’applicazione nell’app Wallet sembra che renderà il processo ancora più semplice e magico. L’intenzione di Apple è che la carta sia utilizzata principalmente principalmente tramite Apple Pay, e la carta fisica è principalmente una concessione al fatto che Apple Pay non è così onnipresente come tutti noi vorremmo che fosse ancora.
Apple e Goldman lavorano dietro le quinte
Il rapporto Bloomberg fornisce anche alcuni spunti sul rapporto produttivo ma a volte tumultuoso tra Apple e Goldman Sachs mentre lavoravano insieme per portare sul mercato la Apple Card.
Entrambe le società hanno obiettivi compatibili ma diversi per la creazione di questa nuova carta di credito ad alta tecnologia; Apple sta semplicemente cercando un altro modo per rafforzare la sua attività di servizi di entrate ricorrenti, mentre Goldman spera di reinventarsi dall’essere una banca di investimento Wall Street a un’azienda più alla moda e rivolta al consumatore.
Mentre Apple si è assunta la maggior parte delle responsabilità tecnologiche e progettuali per la nuova carta – l’elegante aspetto in titanio ha scritto l’etica del design di Apple su di essa – Goldman gestirà tutta l’infrastruttura sottostante, che include non solo l’elaborazione dei pagamenti ma anche il servizio clienti, controversie di pagamento, dati di transazione ed estratti conto mensili.A tutti gli effetti, sembra che l’effettiva relazione finanziaria del cliente sarà con Goldman, non con Apple, anche se resta da vedere come sarà questo a banche e agenzie di credito.
Goldman ha anche lanciato un bel po ‘di muscoli dietro il progetto, con “dozzine di dipendenti” dedicati alla Apple Card nella sua sede di Manhattan e vari uffici satellite, inclusi i team di assistenza clienti specifici di Apple. Apple sta semplicemente gestendo il progetto con i suoi team di app Apple Pay e Wallet già esistenti.
Non sono stati tutti percorsi felici, tuttavia, con il rapporto che rileva che in seguito all’annuncio della Apple Card, Apple e Goldman avevano almeno un disaccordo sulla tecnologia di base che sarebbe stata utilizzata per alimentare la carta, facendo pressione su Goldman Sachs personale per rivedere alcune delle “meccaniche della carta”. Sebbene i dettagli non siano chiari, non è sembrato far deragliare in modo significativo i progressi della carta, il che significa che dovrebbe comunque rispettare la sua promessa versione estiva.
In effetti, la Apple Card è già tecnicamente disponibile e viene utilizzata; Apple ha iniziato a rilasciarlo ai dipendenti aziendali a maggio , e lo ha esteso ai dipendenti nei suoi negozi al dettaglio negli Stati Uniti il ​​mese scorso , consentendo a chiunque lavori per Apple negli Stati Uniti di richiedere la nuova carta. A questo punto, sembra che l’unica cosa che trattiene una versione pubblica completa sia garantire che entrambe le aziende saranno in grado di ridimensionare i propri sistemi per i milioni di applicazioni che riceveranno senza dubbio una volta aperte le porte.



Lascia un commento