Beats annuncia ufficialmente Powerbeats Pro “totalmente wireless” con il chip H1 di Apple nei nuovi AirPods, “Hey Siri”

Il primo vero concorrente di Apple per AirPods è finalmente arrivato: Beats Powerbeats Pro. Apple ha posseduto Beats dal 2014 , ovviamente, il che spiega gran parte della magia dietro gli ultimi auricolari veramente wireless.

Allora, quali sono Powerbeats Pro? Una seria evoluzione della versione senza fili degli auricolari Powerbeats.Beats descrive Powerbeats Pro come “totalmente wireless”, sostituendo l’hardware con cavo dotato di microUSB con una versione totalmente senza fili che ha la sua custodia di ricarica alimentata da Lightning.

Powerbeats Pro mantiene anche la connettività e l’intelligenza dei nuovi AirPod di Apple grazie al chip H1 progettato da Apple all’interno, garantendo una connettività wireless affidabile e persino il controllo “Hey Siri” attivato dalla voce. C’è anche altro a Powerbeats Pro:

  • Opzioni di colore: nero, avorio, blu marino e muschio
  • Progettato per diverse forme dell’orecchio e attività ad alta intensità grazie a “quattro dimensioni di auricolari e un gancio regolabile, ridisegnato”
  • Durata della batteria fino a 4 ore superiore rispetto agli AirPods senza ricarica con “fino a 9 ore di ascolto e oltre 24 ore di riproduzione combinata con la custodia magnetica di chiusura”

Scelte di colore tra cui nero (!!!), isolamento acustico più elevato con punte in-ear e durata della batteria ancora maggiore. In breve, come ho suggerito nella mia recensione di AirPod 2 ieri:

[…] le cuffie wireless Beats Powerbeats Proriportate e trapelate sembrano un sogno diventato realtà per gli appassionati di AirPods che vogliono un po ‘più di entusiasmo dell’esperienza AirPods altrimenti eccezionale.

Come AirPods e Powerbeats3 , il nuovo paio di Powerbeats Pro si collega istantaneamente con iPhone e sincronizzazioni di associazione a dispositivi connessi a iCloud, inclusi iPad, Mac e Apple Watch senza l’associazione su ciascun dispositivo (puoi ancora accoppiare manualmente con Android).

In termini di portabilità, AirPods è ancora il re, ma Beats afferma che i nuovi Powerbeats Pro sono “il 23% più piccoli rispetto al suo predecessore e il 17% più leggero.” Beats promette anche un’esperienza potenziata dal punto di vista sonoro:

Completamente riprogettato dall’interno verso l’esterno, gli auricolari vantano un driver del pistone lineare aggiornato che sfrutta un flusso d’aria efficiente e pressurizzato per creare una potente risposta acustica in un piccolo pacchetto. La migliore qualità del suono significa una distorsione incredibilmente bassa e una grande gamma dinamica su tutta la curva di frequenza.

Powerbeats Pro è anche il primo auricolare Beats ad utilizzare una tecnologia avanzata per migliorare la qualità delle telefonate:

Powerbeats Pro offre incredibili prestazioni vocali per le telefonate. Un primo per Beats, un accelerometro per la rilevazione del parlato in ciascun auricolare e due microfoni formatori di fasci per lato, che indirizzano la tua voce e filtrano i suoni esterni come il vento e il rumore ambientale. Ciò significa che puoi rispondere a una rapida chiamata a metà allenamento in palestra con chiarezza e sicurezza.

Questi sono anche i primi Beats ad abbandonare il pulsante di accensione in favore della gestione energetica in stile AirPods:

Nessun pulsante di accensione significa nessuna preoccupazione. Gli auricolari Powerbeats Pro si accendono quando vengono estratti dalla custodia e si spengono (e si caricano) quando inseriti. Gli accelerometri di movimento rilevano quando gli auricolari sono inattivi e non in uso, entrando automaticamente in modalità di sospensione.

E anche con il chip H1 di Apple e il controllo vocale “Hey Siri”, Powerbeats Pro mantiene i pulsanti fisici per il controllo del volume e la riproduzione della traccia, rispecchiati su ogni auricolare in modo da facilitare l’accesso.

Lascia un commento