AirPods 2 è alimentato dal nuovo chip Apple H1. Ecco tutto ciò di cui è responsabile

Gli AirPod originali hanno debuttato il chip wireless W1 progettato da Apple senza il quale il loro abbinamento senza interruzioni e altre funzionalità esclusive non sarebbero possibili. I nuovi AirPod , disponibili per il pre-ordine a partire da oggi prima del lancio al dettaglio previsto per venerdì la prossima settimana, sfruttano una versione migliorata del chip proprietario che ora ha un nuovo nome: H1.
Quando Apple stava progettando gli auricolari AirPods originali, i suoi ingegneri si resero rapidamente conto che avrebbero avuto bisogno di acquisire la piena proprietà dello stack wireless completo perché le funzionalità audio e di accoppiamento esistenti offerte dallo standard Bluetooth non sarebbero state sufficienti.
La risposta dell’azienda è arrivata sotto forma di W1, un chip wireless proprietario che fornisce connessioni Bluetooth affidabili, basso consumo energetico e alcune funzionalità esclusive per gli auricolari.
Questo è ciò che W1, il chip wireless inaugurale di Apple, fa negli AirPod originali:
Accoppiamento Bluetooth senza interruzioni tramite iCloud su dispositivi Apple
Gestione energetica avanzata
Rendering di audio inviato ad esso
Elaborazione delle connessioni Bluetooth 4.1 / 4.2
Gestione dei sensori
Raffinata sincronizzazione tra i due auricolari, il case e la sorgente audio
Gli AirPod di seconda generazione offrono funzionalità aggiuntive non trovate nel primo modello, come Hey Siri a mani libere e il 50% in più di conversazione, ma non è tutto.

Il pairing perfetto è ciò per cui i chip della serie W di Apple sono più noti
Secondo Apple stessa, il chip H1 del nuovo AirPods supporta tutte le funzionalità fornite dal precedente silicio wireless della serie W, oltre ai seguenti vantaggi:
Ehi Siri
Un’ora in più di conversazione
Connessione wireless più stabile ai dispositivi
Commutazione 2x più veloce tra dispositivi attivi
30% di latenza di gioco inferiore
Tempo di connessione 1,5 volte più veloce per le chiamate telefoniche
Ricarica wireless per la custodia della batteria
Ecco come Apple lancia il nuovo chip:
Il nuovo chip H1 progettato da Apple presenta un’architettura audio personalizzata per creare un’esperienza audio rivoluzionaria e una sincronizzazione migliorata. H1 consente agli AirPod di offrire fino al 50% in più di tempo di conversazione rispetto agli AirPod di prima generazione.
Passare da un dispositivo all’altro mentre ascolti musica su iPhone, Apple Watch o iPad è più semplice che mai con tempi di connessione due volte più rapidi. Per la prima volta, AirPods ora offre la comodità di Hey Siri che semplifica la modifica delle canzoni, la chiamata, la regolazione del volume o indicazioni stradali semplicemente dicendo “Hey Siri”.
Ancora una volta, queste caratteristiche sono offerte solo dal nuovo chip Apple H1.

Per completezza, ecco una rapida panoramica dei chip della serie W fino ad oggi:
Apple W1 è un sistema su chip utilizzato negli AirPod originali e seleziona le cuffie Beats, come PowerBeats3 Wireless, Solo3 Wireless e BeatsX. Negli AirPod originali, Apple W1 è responsabile del mantenimento di una connessione Bluetooth di Classe 1 con un dispositivo e della decodifica del flusso audio inviato ad esso.
Apple W2 è integrata nel sistema Apple S3 con alimentazione integrata Apple Watch Series 3. Secondo la società di Cupertino, il passaggio al chip W2 per la serie 3 ha comportato prestazioni Wi-Fi più rapide dell’85 percento e 50 prefetto più efficienti Bluetooth e Wi-Fi rispetto ai precedenti modelli Apple Watch.
Apple W3 è un aggiornamento 2018 per i chip wireless della serie W di Apple.Supporta Bluetooth 5 ed è integrato nel pacchetto di sistema S4 che guida Apple Watch Series 4.
Sia l’AirPod originale che il nuovo modello Hey Siri funzionano anche come auricolari Bluetooth standard quando sono collegati a qualsiasi dispositivo Bluetooth 4.0+, inclusi i telefoni Android.

Lascia un commento