Apple inizia a rimuovere i cloni dalle app sull’App Store

Proprio questa mattina abbiamo segnalato che l’App Store includeva cloni di applicazioni che non erano copie create da altri sviluppatori, ma versioni “ipotizzate” dagli sviluppatori originali per aumentare la visibilità. Questa pratica non è consentita e Apple ha appena iniziato la pulizia.




TechCrunch riferisce che Apple ha rimosso diverse app dal suo negozio, ma ha – a sorpresa – lasciato alcune. Questo è il caso di MailPix, ad esempio, le cui diverse applicazioni che offrono la stampa fotografica in giornata sono ancora disponibili al momento della pubblicazione di questo articolo. È possibile, tuttavia, che Apple effettui una cancellazione tramite wave, il che potrebbe spiegare la loro esistenza per ora.
Va notato di passaggio che le applicazioni TextMe Up, Free Tone e TextMe dell’editor TextMe sono tra quelle che sono state cancellate. È piuttosto divertente sapere che TextMe è stato assicurato stamattina e ha notato che Apple era a conoscenza del fatto che il gruppo ha convalidato ogni volta gli aggiornamenti delle sue varie applicazioni di clonazione.
Ora c’è più speranza che Apple si concentri un po ‘di più sui cloni delle applicazioni su App Store e continui nella sua famiglia. Dopotutto, può rovinare l’esperienza dell’utente.

Lascia un commento