I piani della CPU Intel 2019 puntano al Wi-Fi 6 e una grafica integrata molto più veloce nei MacBook

Intel non ha ancora rivelato la sua linea di CPU 2019, ma ha rivelato i nomi dei chip di quest’anno e ha fornito alcuni dettagli su cosa possiamo aspettarci da loro.
Non possiamo mai sapere con certezza quando Apple adotterà una nuova generazione di CPU Intel anche quando sarà disponibile, ma possiamo fare alcune ipotesi plausibili …




Jason Cross di Macworld ha fatto proprio questo.
Skylake avrà finalmente un successore in Sunny Cove . Sunny Cove apparirà per la prima volta in una famiglia di processori conosciuta come Ice Lake . Saranno CPU da 10 nm su una gamma di prestazioni e requisiti di alimentazione, quindi possiamo probabilmente aspettarci di vederli in MacBook di tutte le strisce, Mac mini e iMac.
Un grande miglioramento che ci si aspetta di offrire sono le prestazioni grafiche integrate, anche se non di un livello che si avvicinerebbe alle attuali opzioni della GPU discreta del MacBook Pro.
La più veloce grafica Intel integrata nei Mac oggi è la GPU Iris Plus 655 con 48 unità di esecuzione: Ice Lake ha fino al 50% in più, insieme a una manciata di miglioramenti dell’efficienza. Intel dice che offrirà fino a un teraflop di prestazioni grafiche, che è un grande passo avanti rispetto all’attuale offerta grafica di Intel, ma molto indietro rispetto a Vega Pro 16 (2.4 TFlops) o persino alla Radeon Pro 560X (2.0 TFlops) che è possibile ottenere in MacBook Pro da 15 pollici oggi. Supporterà anche Adaptive Sync su display esterni.
Ice Lake integra anche Wi-Fi 6 , il nuovo marchio per 802.11ax, che offre velocità gigabit e latenza più bassa, una connessione iniziale più rapida e miglioramenti sia per la gamma che per la sicurezza.
La versione a bassa potenza della serie Y di Ice Lake promette miglioramenti sostanziali della velocità, che probabilmente rappresentano buone notizie per i modelli MacBook Air e MacBook da 12 pollici.
Cross pensa che non dovremmo aspettarci molto dal prossimo iMac Pro, tuttavia.
Quello che sta arrivando quest’anno è Cascade Lake-X, l’aggiornamento per i prodotti Xeon. È ancora basato su un processo di produzione a 14 nm e non presenta enormi cambiamenti architettonici, ma può offrire più core e thread rispetto a Xeon W-2190B a 18 core e 36 fili in iMac Pro di fascia alta oggi . Anche con lo stesso core count, dovrebbe offrire prestazioni e consumi leggermente migliori.
Ciò suggerisce anche che il prossimo Mac Pro potrebbe non offrire prestazioni notevolmente superiori rispetto a iMac Pro, dal momento che è probabile che utilizzi lo stesso chip Cascade Lake-X. Tuttavia, Mac Pro dovrebbe offrire un sacco di potenziale di aggiornamento in grafica e storage.
Mentre si ritiene che Apple stia lavorando per abbandonare del tutto Intel a favore dei propri processori personalizzati basati su ARM, non è previsto che si verifichi prima del 2020 al più presto . A quel punto le cose potrebbero diventare piuttosto interessanti, specialmente perché potrebbe segnalare un approccio abbastanza diverso ai modelli build-to-order.
È stata questa settimana a suggerire che il chip guru di Apple, Johny Srouji, sia nella lista di Intel come potenziale nuovo CEO dell’azienda.

Lascia un commento