Le proposte dell’Unione europea potrebbero tassare Apple e altri giganti della tecnologia tra il 2 e il 6 percento


L’Unione europea rilascerà presto proposte per cambiare il modo in cui tassano le principali società tecnologiche operanti nel continente, ha rivelato il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire, con aziende che includono Apple potenzialmente tassata ad un tasso tra il 2% e il 6% in futuro .

In un’intervista al quotidiano francese Le Journal du Dimanche , avvistato da Reuters , Le Maire ha suggerito “una direttiva europea verrà divulgata nelle prossime settimane”. Il cambiamento sarà un “passo considerevole” che comporterà un intervallo di tasse compreso tra il 2 e il 6%, ma Le Marie rileva che le aliquote delle tasse si orienteranno verso la parte inferiore della scala.

L’imposta può anche essere calcolata in modo diverso, passando dall’attuale sistema basato sui profitti a uno basato sulle entrate, se gli aspetti di una precedente proposta di bozza finiscono per essere utilizzati nella versione finale.

Una bozza di documento della Commissione europea, vista da Reuters il mese scorso, ha proposto una tassa compresa tra l’1% e il 5% dei “ricavi lordi aggregati” di un’azienda. Una parte cruciale di questi progetti di proposte sarebbe che il prelievo sarebbe basato sul luogo in cui si trova il cliente per ogni transazione, non sulla sede della società stessa.

La proposta è un tentativo di ridurre le misure adottate dalle grandi imprese per ridurre al minimo l’importo delle imposte pagate. Le strategie tipiche prevedono il routing di profitti derivati ​​dall’UE attraverso uffici registrati in paesi con basse aliquote fiscali, tra cui Lussemburgo e Irlanda.

Mentre i critici che sdrammatizzano i cambiamenti alla legislazione fiscale europea potrebbero ritenere che le proposte non siano sufficientemente approfondite, Le Maire suggerisce che questo sia un “punto di partenza” per le riforme. “Preferisco un testo che sarà implementato molto rapidamente piuttosto che infinite trattative, lo perfezioneremo in seguito”.

Uno schema di tassazione basato sulla posizione del cliente potrebbe aver impedito che la battaglia fiscale di Apple con l’Europa continuasse a verificarsi. Apple è stata colpita da una richiesta da parte della Commissione europea di 13 miliardi di euro (16 miliardi di dollari) di imposte arretrate da versare all’Irlanda, in base al quale l’Irlanda avrebbe procurato benefici fiscali illegali per molti anni.

Nella sua indagine, la Commissione europea ha rilevato che le imposte irlandesi sui profitti europei di Apple hanno toccato lo 0,005% nel 2014 e addirittura l’1% nel 2003. È stato anche stabilito che l’accordo fiscale tra Apple e Irlanda è stato “decodificato” sul volare per garantire la più piccola fattura fiscale possibile.

Nonostante le proteste sia dall’Irlanda che da Apple , il pagamento da parte di Apple a un conto di deposito a garanzia istituito dal paese dovrebbe iniziare nel secondo trimestre del 2018, proseguendo nel terzo trimestre. I progressi sono stati così lenti, la Commissione europea ha presentato una denuncia contro il governo irlandese per la mancata riscossione dei fondi, ma la Commissione dice che è disposta a ritirare la causa in caso di riscossione dell’intero importo.

Lascia un commento